user_mobilelogo

 

FINALITA'


Il CeRDEM – Centro di Ricerca e Documentazione sull’Ebraismo nel Mediterraneo, nell’ambito dell’interesse crescente sugli studi relativi all’identità culturale del Mediterraneo, si propone di indagare sulle testimonianze della presenza ebraica del Sud Italia. Lo scopo principale è quello di mettere in luce le testimonianze sulle presenze ebraiche del territorio come determinanti nella formazione della coscienza identitaria e culturale delle regioni. Come attività statutaria organizza ricognizioni sistematiche sulle fonti per la storia degli ebrei e dei loro rapporti con le comunità locali, tramite ricerche inedite e approfondimenti dei percorsi di conoscenza in campi poco indagati del patrimonio culturale meridionale. Nella programmazione delle attività sono comprese: ricerche documentarie, digitalizzazioni e messe in rete, convegni internazionali, pubblicazioni di monografie e di atti di convegno, manifestazioni culturali sul tema dell’ebraismo nel contesto delle culture mediterranee.


Il CeRDEM sperimenta l’impiego di nuove tecnologie applicate a beni culturali di natura eterogenea (architetture, epigrafi, manoscritti, documenti, fondi librari) per inventariare e catalogare le testimonianze sulla presenza ebraica. Unendo la ricerca scientifica e l’alta divulgazione, infine, il CeRDEM propone itinerari per valorizzare i beni culturali di interesse ebraico presenti sul territorio, allestimenti di mostre e di sezioni museali, in collaborazione con università e altri istituti di ricerca.
 

IL CENSIMENTO DEI DOCUMENTI SULLA PRESENZA EBRAICA NEL SUD ITALIA

Nel Sud Italia non ci sono altri enti che si occupano della catalogazione dei  documenti riguardanti l’ebraismo. Tuttavia, la funzione di catalogare documenti in genere è svolta – in base a specifici progetti – dalle Soprintendenze Archivistiche del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo-MiBACT e dalle università. Il CeRDEM si propone di colmare questa lacuna, catalogando i documenti sulla presenza ebraica nel territorio avvalendosi della collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo-MiBACT tramite le Soprintendenze Archivistiche competenti. Con la Soprintendenza Archivistica per la Puglia il CeRDEM ha già realizzato il progetto “Archivi per l’ebraismo”, con cui ha catalogato molti documenti pugliesi. Il Sud Italia possiede un patrimonio storico notevole riguardante soprattutto protocolli notarili di atti rogati nel territorio da soggetti ebrei e neofiti. Lo studioso che si è occupato della catalogazione sistematica dei documenti sugli ebrei del Sud Italia è stato il prof. Cesare Colafeminna (Università di Bari), che ha fondato il CeRDEM per continuare le sue ricerche.

La collaborazione di Colafemmina con il MiBACT risale agli Anni '80, con "Italia Judaica" progetto guidato dal prof. Shlomo Simonsohn, Presidente del Goldstein-Goren Diaspora Research Center (www1.tau.ac.il/humanities/ggcenter/) dell'Università di Tel Aviv e direttore del correlato progetto “Italia Judaica”. Al primo convegno internazionale sulle vicende storiche degli Ebrei in Italia di "Italia Judaica", tenuto a Bari nel 1981 (MiBAC, Roma 1983), sono seguite pubblicazioni (Fonti documentarie e bibliografiche, Archivio di Stato di Bari, 1981; Testimonianze archivistiche ed archeologiche, Bari, 1981; Il Viceregno spagnolo, Bari 2003). Il Goldstein-Goren Center  conserva documenti originali e 40.000 file contenenti 250.000 documenti di tutto il mondo.



ATTIVITA'

Il CeRDEM - Centro di Ricerche e Documentazione sull'Ebraismo nel Mediterraneo "Cesare Colafemmina" nasce dall’esigenza di salvaguardare, tutelare e rendere fruibile il patrimonio culturale del territorio, tramite la raccolta e la consultazione di documenti, la predisposizione di itinerari, approfondimenti, bibliografia e altri materiali riguardanti la presenza ebraica nell'Italia meridionale, in rapporto al Mediterraneo.

Tra gli altri intenti, si propone di: promuovere e coordinare attività di ricerca e formazione sulla cultura e sulla storia ebraica, curando iniziative culturali e pubblicazioni; curare l’acquisizione, la conservazione e la valorizzazione di ogni tipo di documentazione bibliografica, archivistica e culturale che sia espressione dell’ebraismo e della relativa produzione scientifica; promuovere accordi e convenzioni per lo svolgimento di attività comuni con altre università, accademie, associazioni, istituti culturali e di ricerca italiani e stranieri.

 

***

 

PURPOSE

Acknowledging the increasing interest in studies concerning the cultural identity of the Mediterranean, the CeRDEM - Centro di Ricerca e Documentazione sull’Ebraismo nel Mediterraneo (Centre for Research and Documentation on Judaism in the Mediterranean), intends to investigate testimonies on the Jewish presence in southern Italy. The main aim is to disclose testimonies proving that the Jewish presence in the territory was crucial to the formation of the cultural and identity consciousness of the regions. It systematically identifies sources concerning Jewish history and the relations with the local communities, through unpublished research and in-depth analyses of unknown aspects of southern cultural heritage. Activities will include: documentary research, digitization and networking, international conferences, publication of monographs and conference proceedings, cultural exhibitions on Judaism in Mediterranean cultures.


The CeRDEM experiments with new technologies applied to different cultural aspects (architecture, epigraphs, manuscripts, documents, holdings) to inventory and catalogue testimonies on the Jewish presence. Joining scientific research and divulgation, the CeRDEM proposes itineraries which enhance the Jewish heritage of the territory, the organization of exhibitions, in cooperation with universities and other research institutes.

 

THE CENSUS OF THE DOCUMENTS CONCERNING HEBRAISM IN SOUTHERN ITALY 

In southern Italy there are no other institutions which catalogue documents concerning Hebraism. Nevertheless, the task of cataloguing documents is generally carried out - according to specific projects - by the Archival Superintendance of the Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo- MiBACT and by the Universities. The CeRDEM aims at filling this gap, cataloguing the documents on the Jewish presence in the territory taking advantage of its cooperation with the Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo-MiBACT through the Soprintendenze Archivistiche (Archival Superintendances) in charge. With the Soprintendenza Archivistica per la Puglia (Archival Superintendance for Apulia), the CeRDEM has already carried out the project "Archivi per l'Ebraismo(Archives for Hebraism)", with which it catalogued a lot of documents from Apulia. Southern Italy has a remarkable historical heritage concerning above all notorial protocols of deeds drawn up by Jews and converts. The scholar who took care of the systematic cataloguing of the documents about the Jews of Southern Italy was Professor Cesare Colafemmina (University of Bari) who founded the CeRDEM to continue his research.